Come funziona l’anticipo tfr/tfs per i dipendenti pubblici

Samsung S8 Mini presto presentatoSta prendendo il via la procedura di anticipo tfs/tfr per i dipendenti pubblici. L’anticipo, ricordiamo, viene erogato fino a un massimo di 45 mila euro, a chi utilizza quota 100 oppure a chi va in pensione anticipata, contributiva o di vecchiaia, da parte degli istituti di credito che aderiscono all’accordo, con elenco pubblicato sul sito internet lavoropubblico.gov.it.

Sulla base delle regole vigenti, ricordiamo, ai lavoratori pubblici il trattamento è corrisposto di norma 24 mesi dopo l’accesso a pensione, che si riducono a 12 se la cessazione dal servizio è dovuta al raggiungimento dei limiti di età o servizio.

L’importo viene inoltre è accreditato in soluzione unica se l’ammontare è fino a 50 mila euro lordi, in altre ipotesi con una o due rate annuali per valori superiori. Nel caso di utilizzo di quota 100, il posticipo scatta comunque dalla data di pensionamento “ordinaria” e quindi il Tfs-Tfr può essere incassato anche a lunga distanza rispetto al momento in cui si smette di lavorare.

Proprio per tale motivo, il decreto legge che a suo tempo aveva introdotto quota 100, aveva anche previsto la possibilità di ottenere subito fino a 45 mila euro mediante un prestito erogato da una banca a cui poi l’ente previdenziale verserà il Tfr/Tfs Per calcolare la durata del finanziamento, che si estende fino all’erogazione del Tfr/Tfs, per chi utilizza quota 100, bisognerà poi anche eventualmente considerare i requisiti previsti dal 2023 in poi, dato che fino al 2022 rimarranno invariati.

Tali previsioni sono comunque contenute nella certificazione rilasciata al lavoratore da parte dell’ente erogatore, un documento che deve essere necessariamente presentato all’istituto di credito a cui si domanda il prestito. La restituzione da parte dell’istituto di credito degli interessi non maturati a suo favore per effetto della variazione dei requisiti di accesso al pensionamento è disciplinata dallo stesso provvedimento.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*